Alimentazione capelli

Le diverse categorie di alimenti: dalla carne ai latticini

Il massiccio consumo odierno di carni, prosciutto, insaccati, uova, latte e derivati, è sempre più considerato dalla medicina pericoloso per la salute. L’auspicabile riduzione dell’assunzione di cibi animali, in particolare per quanto concerne il regime carneo, deve essere comunque assai lenta e graduale, come del resto qualsiasi variazione nella dieta e nello stile di vita.

Carni

Occorre qui particolare moderazione ed attenzione, soprattutto in condizioni di salute cagionevole.

proteine-animali
ASSUNZIONE MODERATA: carni bianche (pollo, galletto, coniglio, tacchino), carni rosse leggere (sono preferibili animali giovani come vitello, agnello, capretto, maialino).
ASSUNZIONE OCCASIONALE: salumi magri, carni rosse più pesanti (cavallo, maiale), carni nere (cacciagione), carni grasse (anatra, oca). Questa categoria di carni è però da evitare in soggetti debilitati, anziani e sedentari.
ASSUNZIONE DA EVITARE: carni secche a lunga stagionatura, interiora e parti di animali, brodi concentrati, estratti di carne.

Pesci ed altri animali acquatici

Preferire i pesci più piccoli e magri e i pesci d’altura, come il pesce azzurro.

ASSUNZIONE MODERATA: sono consigliati 1-2 volte alla settimana pesce azzurro fresco (acciughe, sgombro, alici, sardine), pesci magri (merluzzo, orata, nasello, sogliola), pesci freschi a carne rossa (salmone, tonno, pesce spada), crostacei di piccole dimensioni, (gamberetti, scampi, astici).
ASSUNZIONE OCCASIONALE: crostacei grandi (aragoste, granchi, gamberoni), molluschi (ostriche, capesante, vongole, cozze), pesci grassi e semigrassi (anguilla, palombo, luccio).
ASSUNZONE SCONSIGLIATA: Pesci sotto sale e conservati (acciughe, tonno in scatola, alici) o affumicati, pesci di fondale (facilmente inquinati).

Uova, Latte e derivati del latte

E’ buona norma orientarsi verso prodotti locali tipici, fatti con metodi tradizionali naturali. I formaggi sono da limitare o evitare in casi di obesità, in alcune cefalee croniche, malattie cronico-degenerative e ipertensione arteriosa; in quest’ultimo caso, soprattutto i formaggi molto salati ed a lunga stagionatura.

ASSUNZIONE MODERATA: uova fresche a cottura leggera in acqua, latte di mucca fresco, intero e pastorizzato, latte di pecora o capra se tollerati, yogurt naturale, latticini freschi (ricotta, cagliate, mozzarelle) formaggi dolci (caciotta, fontina, emmenthal, parmigiano, gruviera), formaggi a breve
e media stagionatura, latticini o formaggi leggeri di capra e pecora.
ASSUNZIONE OCCASIONALE: Burro fresco, panna fresca, formaggi fermentati, formaggi a lunga stagionatura.
ASSUNZIONE SCONSIGLIATA: Formaggi molto grassi o molto salati, formaggi fusi (sottilette, formaggini), formaggi industriali o additivati in genere.

Dolcificanti e Dolci

dolcificanti
ASSUNZIONE QUOTIDIANA: frutta fresca, succo fresco di frutta, malto di cereali, dolci naturali casalinghi (con latte, riso, mandorle, semi oleaginosi, frutta secca o fresca o cotta). Il miele vergine integrale in modica quantità e non cotto né troppo caldo.
ASSUNZIONE SALTUARIA: frutta secca (fichi secchi, uvetta) zucchero integrale di canna, composta di frutta, crema di nocciole o mandorle o carrube, budini vegetali naturali confezionati, pasticceria e dolci naturali, yogurt naturale o alla soia, gelato naturale fatto in casa.
ASSUNZIONE SCONSIGLIATA: zucchero bianco, miele industriale o raffinato, saccarina e dolcificanti industriali (aspartame), cioccolato, cacao, caramelle, dolci grassi o farciti.

Bevande

bevande
ASSUNZIONE QUOTIDIANA: acqua fresca di sorgente o di rubinetto, acqua oligominerale in vetro scuro o plastica dura, infusi di erbe, succhi di frutta o di ortaggi diluiti, bevanda di cereali tostati, thè di tre anni.
ASSUNZIONE SALTUARIA: acqua minerale fresca, vino o birra leggeri a fermentazione naturale (se si consuma cibo animale), caffè di cereali solubile, thè verde cinese.
ASSUNZIONE SCONSIGLIATA: caffè, thè commerciali, stimolanti, bibite gassate dolcificate artificialmente, alcolici e superalcolici.

Oli e condimenti

oliUSO QUOTIDIANO: olio extravergine di oliva spremuto a freddo, oli di semi (da usare solo a crudo: girasole, mais, lino, sesamo) solo se spremuti a freddo e non rettificati né decolorati, succo di limone fresco, aceto naturale di riso o di mele, sale marino integrale, aromi (aglio tritato, alloro, anice, arancio e arancio amaro, basilico, cappero, cerfoglio, cipolla e cipolline verdi tritate, cedrina e citronella, coriandolo, cumino, curcuma, dragoncello, erba cipollina, finocchio, ginepro, lavanda, limone succo e scorza, maggiorana, melissa, menta, mirto, origano, pimento, prezzemolo tritato, rafano o cren, rosmarino, salvia, santoreggia, scalogno, sedano, serpillo, sesamo, timo), spezie (cannella, cardamomo, chiodi di garofano, curry, noce moscata, pepe bianco verde e rosa, peperoncino rosso, paprika, pepe di Caienna, chili, senape, vaniglia, zafferano, zenzero).
USO SALTUARIO: olio di germe di grano, di cartamo, di soia, aceto di vino naturale, crauti, panna fresca o liquida, yogurt naturale, burro fresco, creme varie, maionese naturale, mostarda, pasta di olive, dadi per brodo vegetale.
USO ECCEZIONALE O SCONSIGLIATO: oli industriali, oli di semi vari (tossici per il cuore), olio di arachidi, cocco e palma, aceti speziati, sale raffinato,pepe nero, grassi animali (strutto, lardo, pancetta, cotiche), margarine varie, salse industriali (ketchup, tabasco), dadi animali per brodi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>