Evergreen

Il soggetto carbonico

Soggetti carbonici: gli orsi polari

Si alza tardi, si mette in moto lentamente, lavora meglio al pomeriggio.

Accumula qualsiasi cosa, in particolare liquidi e grassi.
Alimentarsi è per lui un rituale lento e lungo come tutti gli altri della sua vita, ma anche un importante momento di convivialità; un piacere lento e consolatorio a volte, un piacere della pura compagnia degli altri, a tavola, in altri momenti.
È un soggetto che digerisce bene.
È la tipologia che sviluppa soprattutto malattie dismetaboliche.
Siamo davanti a un soggetto tendenzialmente ipotiroideo, iposurrenalico e ipogonadico che, quindi, in adolescenza può svilupparsi più lentamente, manifestare insicurezza e avere maggiore attaccamento ai genitori.

Usa il cibo anche per coltivare il suo senso di autopreservazione.

Da adulto la sua vagotonia prevalente lo porta a divenire obeso.
Può soffrire di stanchezza cronica, e tendenzialmente è un soggetto più freddoloso che caloroso.
Può essere affetto da sistema immunitario scarsamente funzionante, o, meglio, molto lento, per cui le malattie tendono tutte a essere meno apparentemente aggressive e acute, ma più lunghe e tendenti alla cronicizzazione.
Può presentare un tendenziale problema nel funzionamento del metabolismo glucidico e quindi del rapporto zucchero e insulina.

Dunque parliamo di un soggetto che, oltre a essere ipotiroideo può anche essere iperteso e diabetico.

Tende alla sclerosi, artrite e artrosi, danni a pancreas, fegato, rene, cervello e cuore e fanno facilmente tromboflebiti.

Alimenti consigliati per il soggetto carbonico

Dunque siamo davanti a un soggetto che va sostenuto e “scaldato” per dargli quella forza e quel sostegno di cui è spesso carente, facendo attenzione ai carboidrati e agli zuccheri.

Ottima una colazione energetica con frutta, noci, semi, bevande estratte da verdure e frutta.

Proteine in prevalenza con spezie, caffè, tè, cacao e spezie che riscaldano (curry, peperoncino, pepe, zenzero).

Possibilmente pochi tuberi e funghi, considerati cibi che raffreddano in termini energetici,
preferendo un po’ di proteine animali.
Anche le alghe e l’apporto di iodio aiutano questo tipo di persona.

Ricapitolando sul soggetto carbonico:

  • Prevalenza di diametri trasversali
  • Grasso flaccido
  • Tendenzialmente bulimico
  • Stanco e lento, scarsa resistenza allo stress
  • Calmo, sonnolento, passivo, apatico
  • Intelligenza concreta e materialista
  • Segue la legge del minimo sforzo

A QUALI PATOLOGIE POTREBBERO ANDARE INCONTRO I SOGGETTI CARBONICI CON IL TEMPO E CON UNO STILE DI VITA SQUILIBRATO?

  • Sovrappeso, obesità, bulimia
  • Diabete, ipercolesterolemia, osteoporosi
  • Steatosi epatica, malassorbimento, ipovitaminosi
  • Ipotiroidismo, iposurrenalismo, ipogenitalismo
  • Tendenza alla sclerosi
  • Tendenza depressiva
  • Tendenza al deficit mentale globale

Cosa fare per evitare queste patologie?

  • controlla il peso
  • fai attenzione alla glicemia e al colesterolo
  • non affaticare il fegato e l’intestino
  • incrementa l’attività fisica
  • allena la memoria
  • partecipa ai sentimenti
  • assumi tonici naturali nei mesi freddi

E tu ti ci ritrovi? Altrimenti puoi rientrare nei prossimi biotipi… 😉


Ivano FerriPost tratto da “Le Costituzioni Omeopatiche e la predisposizione verso salute e malattia. La corretta alimentazione secondo le Costituzioni Omeopatiche”. Scritto dal dott. Ivano Ferri: Docente e consultant CEL, “Center for Evolutionary Learning”. Già docente e ricercatore associazione sahaj yoga Roma. Diplomato AIOT in omeopatia e omotossicologia. Formato in omeomesoterapia e tecnica EAV. Esperto in terapia del dolore e nutrizione. Oncologo membro ARTOI e attivo seminarista nella divulgazione scientifica medica omeopatica e omotossicologica e della meditazione sahaj.
Autore del libro “meditazione, yoga e scienza medica”.
Svolge attività medica libero professionale integrata, praticando omeopatia, omotossicologia e medicina integrata a Bologna e Ferrara.
Lavora al centro SH di San Marino e presso l’istituito IPSI TRAUMA MED di PORTO S. ELPIDIO.
Professore master ARTOI di oncologia integrata Università G. Marconi-Roma.
Professore master Omotossicologia e medicine low doses Univesità La Sapienza-Roma.


2 commenti su “Il soggetto carbonico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>